Adozioni

Adozioni

Approfondimenti sul test per figli adottivi

La sequenza del dna è un indicatore praticamente infallibile (affidabilità del 99,9%) per l’identificazione di una persona a partire da campioni biologici semplici da ottenere come la saliva. Ottenendo il profilo genetico del figlio adottivo e dei genitori adottanti, si dispone di un documento che vincola i genitori adottivi e il figlio adottato. Questo certificato risulta estremamente utile in particolari circostanze quali: scomparsa del figlio o dei genitori durante un viaggio o in luoghi affollati (centri commerciali, spettacoli ecc.), disastri o catastrofi e in tutti i casi dove il figlio adottivo possa reclamare i suoi diritti civili (successioni ecc).

Lo Studio Di Fraia collabora con Lorgen, uno dei più prestigiosi laboratori internazionali nel campo della genetica forense. Il laboratorio utilizza per le analisi i rigidi protocolli approvati dalla International Society for Forensic Genetics (Isfg).

Il nostro laboratorio esegue il test analizzando un semplice campione di cellule della mucosa buccale o di saliva prelevato dal bimbo e dai genitori adottivi. L’esame del dna per l’identificazione genetica del minore viene effettuato analizzando un totale di 15 marcatori genetici che consentono di creare il profilo genetico di ogni individuo.

I risultati saranno pronti trascorsi sette giorni lavorativi dall’arrivo dei campioni al nostro laboratorio, che invierà un documento con il profilo genetico dei genitori e del figlio adottato che li associa come una famiglia.

Tutte le informazioni ottenute saranno strettamente confidenziali e nel rispetto più assoluto della privacy.